Sistemi di gestione - Contec AQS

Sistemi di gestione

Digitalizzazione del patrimonio e dei processi di gestione nel Facility Management – Evento Milano

Contec AQS, in collaborazione con BIS-lab® Building Innovation & Skills Lab e TeamSystem, partecipa a L’approccio integrato alla digitalizzazione del patrimonio e dei processi di gestione, l’incontro sul Facility Management organizzato da IFMA Italia


Evento Gratuito

4 aprile 2019 | ore 14:30 – 17:30

MILANO | sede IFMA – V.le Lombardia, 66


L’approccio integrato alla digitalizzazione del patrimonio e dei processi di gestione è un evento che fa parte della sezione “La parola all’esperto” di IFMA Italia, un programma di incontri con l’obiettivo di approfondire tematiche di interesse per chi opera nel settore del Facility Management, attraverso la partecipazione di esperti della materia.

L’intervento di Gruppo Contec è finalizzato a descrivere le motivazioni che spingono il Datore di Lavoro di occuparsi, contemporaneamente alle altre attività che caratterizzano la disciplina del FM, degli aspetti che riguardano la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Oltre agli aspetti normativi e le conseguenze nelle quali può incorrere disattendendo gli adempimenti obbligatori previsti per legge, si spiegherà come gli strumenti digitali per il governo delle informazioni relative al tema della salute e sicurezza, possano rappresentare un efficace mezzo per governare la complessità e dimostrare, in caso di necessità, la conformità con gli obblighi di legge.

IL PROGRAMMA

14.30 – Registrazione partecipanti

14.45 – Benvenuto e Introduzione | Fabio Cognolato, TeamSystem Construction

15.00Come sviluppare la catena del valore informativo durante il ciclo di vita di un’opera | Daniele Bagagli, TeamSystem Construction

15.30Il Facility Management dal punto di vista della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro | Massimiliano Gagliardi, Contec AQS, Gruppo Contec

16.00 – Coffee break

16.15 Dal BIM al Facility Management digitale: approcci innovativi per la tutela del datore di lavoro | Michele Carradori, BIS-lab® Building Innovation & Skills Lab, Gruppo Contec

16.45TeamSystem Construction l’innovativa piattaforma Bim che coniuga i flussi di progettazione e costruzione con le successive attività di Facility e Manutenzione | Paola Giordani, TeamSystem Construction

17.15 – Domande e Risposte

COME ISCRIVERSI

L’evento è gratuito ma per partecipare è necessaria la registrazione sul sito TeamSystem

ATTESTATI E CREDITI

È previsto il rilascio di attestati di frequenza, inoltre il seminario concorre all’ottenimento e al rinnovo del riconoscimento professionale “Facility Management Specialist – FMS”, rilasciato da IFMA Italia.

Crediti formativi riconosciuti: 0,5

 
MAGGIORI INFORMAZIONI

Contec AQS

Livia Manfredini
Cell. 345 9224353
e-mail: livia.manfredini@contecaqs.it

Maria Giovanna Verdesca
Tel. 045 4729854
e-mail: mariagiovanna.verdesca@contecaqs.it

 

 

Contec AQS, in collaborazione con BIS-lab® Building Innovation & Skills Lab e TeamSystem, partecipa a L'approccio integrato alla digitalizzazione del patrimonio e dei processi di gesti...

> Read more

Convegno di Igiene Industriale | 26-29 marzo 2019 Corvara

Convegno Igiene Industriale 2019 AIDII

Convegno di Igiene Industriale | 25esima edizione dell’evento AIDII

 

Sono aperte le iscrizioni al Convegno di igiene industriale, tre giornate organizzate dalla Sezione Triveneto di AIDII – Associazione Italiana Degli Igienisti Industriali – a Corvara per i prossimi 27-29 marzo 2019.

I temi al centro dell’interesse di questa 25esima edizione sono stati divisi in diverse sessioni:

  • Igiene industriale e ambientale: agenti chimici e agenti fisici
  • Acqua e terra: impatto dell’agricoltura e delle attività di consumo sull’ambiente di vita
  • Aria: impatto delle sostanze pericolose e cancerogene sulla qualità dell’ambiente di lavoro e di vita
  • RLS e promozione della salute
  • La prevenzione alla luce dei cambiamenti nel mondo del lavoro e dell’invecchiamento della popolazione

in cui ai alterneranno momenti di interventi tecnici a dibatti e confronti.

Obiettivo dell’evento, così come motore di tutte le attività organizzate da AIDII, è quello di promuovere la cultura della prevenzione e le tematiche della salute e sicurezza negli ambienti di lavoro, attraverso il dialogo reciproco e lo scambio di conoscenze e di esperienze.

 

È previsto riconoscimento di crediti ECM per diverse figure professionali: Tecnico della Prevenzione nell’ambiente e nei Luoghi di Lavoro, Medico del lavoro e Legale, Medico Veterinario, Biologo, Chimico, Fisico, Tecnico sanitario di laboratorio biomedico.

 

Per riservarsi un posto è possibile iscriversi dal sito AIDII cliccando qui

 

Convegno Igiene Industriale 2019 AIDII

 

Convegno di Igiene Industriale | 25esima edizione dell'evento AIDII   Sono aperte le iscrizioni al Convegno di igiene industriale, tre giornate organizzate dalla Sezione Triveneto d...

> Read more

VI edizione Premio Imprese per la sicurezza – Candidature aperte

VI edizione Premio Imprese per la sicurezza – Confindustria e Inail premiano le buone pratiche in tema salute e sicurezza dei lavoratori

Confindustria ed INAIL, con il supporto tecnico di APQI (Associazione Premio Qualità Italia) ed Accredia (Ente Italiano di Accreditamento), hanno lanciato il “Premio Imprese per la sicurezza“.

Il riconoscimento, nato nel 2011 e oggi alla VI edizione, ha l’obiettivo di contribuire al processo di diffusione della cultura della sicurezza, attraverso la promozione e la valorizzazione di attività e buone prassi in tutto il sistema produttivo italiano, e dimostrare che il vantaggio competitivo può essere raggiunto anche attraverso la gestione della sicurezza.

Il premio viene assegnato alle aziende che si distinguono per l’impegno e i risultati conseguiti in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, ma ciascuna delle partecipanti può ottenere un report di check up della propria situazione sicurezza, evidenziando il posizionamento rispetto alle altre realtà partecipanti e aree di forza e punti di miglioramento in caso di selezione tra i finalisti.

> Chi può partecipare e come?

Al “Premio imprese per la sicurezza” possono candidarsi tutte le imprese produttrici di beni e servizi, anche non iscritte a Confindustria, con riferimento a stabilimenti con sede in Italia.

Per partecipare al Premio è necessario registrarsi, compilare ed inviare i questionari disponibili qui entro il 18 marzo 2019, ore 14.

Dopo la prima fase di selezione vengono individuate le aziende migliori, cui viene chiesto di stendere una application guidata e descrittiva degli approcci utilizzati.

L’ultima fase prevede il coinvolgimento con visite approfondite in loco da parte di un team di valutatori esperti di Confindustria, INAIL, APQI e Accredia.

> Quali sono i premi?

Le categorie di premi previste sono suddivise per tipologia di rischio – alto o medio basso – e per dimensione aziendale (tre fasce: fino a 50 dipendenti; da 51 a 250 dipendenti; oltre 250 dipendenti).

I premi sono onorificenze simboliche, assegnate a ciascuna categoria in funzione del punteggio ottenuto:

  • Award
  • Prize

Sono riconosciute con menzione anche quelle realtà che hanno sviluppato progetti specifici sulla formazione/informazione dei lavoratori, la gestione degli appalti/subappalti o altri progetti innovativi in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

> Quali benefici per la partecipazione?

La partecipazione al “Premio Imprese per la sicurezza” rappresenta un’opportunità di misurare i propri impegni in tema di sicurezza, dando visibilità alle migliori pratiche e alle procedure orientate all’incremento dei livelli di sicurezza all’interno delle aziende, stimolando la competitività e lo sviluppo del sistema Paese.

Le aziende finaliste al “Premio Imprese per la sicurezza” potranno inoltre richiedere una riduzione del tasso di premio INAIL (oscillazione per prevenzione) compilando l’apposito modello disponibile al sito www.inail.it

 

Fonte: Confindustria | Inail  | Accredia

 

VI edizione Premio Imprese per la sicurezza - Confindustria e Inail premiano le buone pratiche in tema salute e sicurezza dei lavoratori Confindustria ed INAIL, con il supporto tecnico di...

> Read more

La gestione della sicurezza dei lavoratori all’estero – Seminario 27 novembre

gestione sicurezza lavoratori estero

La gestione della sicurezza dei lavoratori all’estero

Punti di attenzione e regole di esperienza per una corretta gestione della sicurezza del proprio personale operante all’estero


SEMINARIO

Crediti FCO

Martedì 27 novembre 2018 | ore 10- 13

Sala Conferenze SHR | Via Rismondo 2/E, 35131 Padova


gestione sicurezza lavoratori all’estero


La gestione della sicurezza dei lavoratori all’estero richiede la stesura di specifiche procedure che definiscano chiaramente ruoli e responsabilità in capo ai vari soggetti coinvolti (lavoratore, Medico competente, SPP, Ufficio Risorse Umane) in tutte le fasi del viaggio: dalle attività di pianificazione, alle attività in loco, al rientro e al comportamento in caso di emergenza.

 

Le misure descritte consentono di stabilire le linee guida per garantire il rispetto delle disposizioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro, sulla base dell’analisi di quelli che sono i rischi specifici connessi alle attività svolte all’estero (ambientali, logistici, socio-politici, biologici) e dell’adeguata formazione prevista per il personale viaggiante.


SEMINARIO

Crediti FCO

Martedì 27 novembre 2018 | ore 10- 13

Sala Conferenze SHR | Via Rismondo 2/E, 35131 Padova


CONTENUTI
  • Lavoratore all’estero: gli strumenti della trasferta e del distacco
  • Gestione della sicurezza all’estero: le procedure da adottare, le previsioni da inserire nel DVR, l’obbligo di formazione. Cosa dice la giurisprudenza
  • Rischi connessi alla sicurezza del lavoratore all’estero in particolare nei paesi considerati pericolosi: il rischio sanitario (il ruolo del medico competente, la gestione delle vaccinazioni, le misure da adottare), il rischio ambientale

RELATORI

ELISA PAVANELLO | Avvocato e Consulente Legale – Spolverato e Soci
LORENZO BARALDO | Direttore Area Tecnica Contec AQS

 

Iscriviti qui

 


INFORMAZIONI

Contec AQS

Ufficio eventi
Tel. 045 4729854
e-mail: eventi@contecaqs.it

La gestione della sicurezza dei lavoratori all’estero Punti di attenzione e regole di esperienza per una corretta gestione della sicurezza del proprio personale operante all'estero SE...

> Read more

Trattamento dati e Privacy: come adeguarsi al nuovo Regolamento EU 2016/679

Trattamento dati e Privacy: come adeguarsi al nuovo Regolamento EU 2016/679

L’introduzione del Regolamento EU 2016/679 General Data Protection Regolation (GDPR) ed il conseguente adeguamento entro il 25 maggio 2018 delle aziende, pone le organizzazioni nella posizione di dover comprendere al meglio le proprie necessità e le misure da adottare in rapporto alle tipologie di dati trattati.

In un mondo in continuo progresso tecnologico, dove i dati personali hanno acquisito un ruolo fondamentale, il nuovo Regolamento Europeo introduce principi importanti in tema di mirata gestione del dato. Il percorso verso la conformità si differenzia a seconda della natura dei dati trattati e le misure da adottare variano di conseguenza fino, nei casi specificati dallo stesso GDPR, alla nomina obbligatoria del Data Protection Officer (una nuova figura che semplificando potremmo identificare come un RSPP dei dati).

Questo, se opportunamente sviluppato, non solo accresce il valore aziendale ma, soprattutto, scongiurerà l’applicazione delle aspre sanzioni pecuniarie – fino al 4% del fatturato annuo – e/o penali.


E’ quindi ora di chiedersi cosa fare. Di seguito alcune domande che possono rappresentare il primo passo di un’analisi finalizzata ad un adeguamento corretto.

 

1.   Avete procedure di sicurezza scritte che vengono riviste annualmente e comunicate a tutti i Vostri dipendenti/collaboratori?

2.   Fate formazione regolarmente?

 

 

Scarica la check list completa

 LA SOLUZIONE

Per ogni azienda è consigliabile sottoporre la privacy policy vigente, sviluppata e adottata in conseguenza all’introduzione del D.lgs. 196/03, ad una Gap Analysis per valutare ed implementare le misure necessarie per un adeguamento conforme al nuovo Regolamento Europeo.

In particolare il legislatore richiede di adottare un sistema di gestione dei dati ottemperante alla normativa e sviluppato in modo integrato alle procedure aziendali interne ( privacy by design e privacy by default ).

I NOSTRI SERVIZI

I servizi privacy di Contec AQS rispondono a qualsiasi esigenza del cliente, dall’esternalizzazione completa del trattamento dell’ambito privacy, alla possibilità di far crescere delle competenze interne che possano gestire l’attività in modo autonomo .

I servizi nello specifico sono:

  • Check up del sistema privacy adottato e GAP Analysis
  • I.A., Privacy Impact Assessment
  • Applicazione di adeguate procedure e modelli organizzativi
  • Formazione incaricati al trattamento
  • Formazione per Data Protection Officer (corso 48 ore con rilascio del certificato e possibilità di affrontare l’esame per la certificazione della competenza)
  • Servizio di Data Protection Officer esternalizzato
  • Audit verticali sul sistema informativo (compliance normativa e/o sicurezza informatica – valido sia per compliance D.lgs 231/01 Responsabilità amministrativa degli enti che per Reg. EU 2016/679)
Scarica la scheda servizi

 

 


Per maggiori informazioni:

Andrea Orsi
Direttore d’Area Contec AQS

lineadiretta.privacy@contecaqs.it

T.+39 049 870 0753

 

L’introduzione del Regolamento EU 2016/679 General Data Protection Regolation (GDPR) ed il conseguente adeguamento entro il 25 maggio 2018 delle aziende, pone le organizzazioni nella posi...

> Read more

Mystery Audit nelle strutture sanitarie

Contec AQS ha approcciato lo strumento di Mystery Auditing nell’ambito delle strutture sanitarie ad integrazione delle tradizionali metodologie di auditing. Per le strutture sanitarie la centralità del paziente è sostanziale al fine di valutare l’idoneità delle procedure adottate. Vien da sé quanto potente può essere tale pratica nell’ambito delle salute. Ma non solo.

L’esperienza Autogrill, descritta nell’articolo riportato, conferma questa linea, ossia la complementarietà tra le varie metodologie di auditing.

Contec AQS fa parte dell’Associazione Mystery Auditing Italia e il dott. Andrea Orsi, Direttore Area Sanità di Contec AQS è Responsabile Tecnico dell’associazione per il settore sanitario.

 

 

La principale causa di perdita di un cliente, per qualsiasi azienda o organizzazione, è individuata nel livello del servizio fornito. E’ altrettanto vero che negli interessi principali delle aziende deve esserci la soddisfazione del cliente.

Il mystery audit è un servizio che, attraverso la simulazione del comportamento di un cliente, permette di verificare e valutare l’efficacia del servizio che un’azienda o un’organizzazione offrono agli utenti.

La simulazione ha quindi lo scopo preciso di migliorare la soddisfazione e il gradimento degli utenti attraverso il perfezionamento del servizio fornito.

La comprensione delle attese del cliente gioca un ruolo chiave perché rende consapevoli delle aspettative e delle esigenze proiettando alla fidelizzazione attraverso il monitoraggio della customer satisfaction.

mystery audit sanità contec aqs

Il monitoraggio costante del livello delle prestazioni consente di valutare il rendimento e la competenza del personale e i relativi bisogni formativi.

Migliorare la qualità dei servizi attraverso il mystery audit consente di valutare e controllare il livello degli standard delle performance mantenendole entro i parametri qualitativi prescelti.

Attraverso l’acquisizione continua di informazioni utili e report è così possibile assicurarsi che la brand identity di azienda e prodotti siano trasferiti nel modo corretto agli utenti di modo che i servizi mantengano le caratteristiche peculiari nel processo di distribuzione giungendo intatti all’utente finale.

Contec AQS ha approcciato lo strumento di Mystery Auditing nell’ambito delle strutture sanitarie ad integrazione delle tradizionali metodologie di auditing. Per le strutture sanitarie la ce...

> Read more

Gruppo Collis – Veneto Wine Group: Contec AQS rafforza la presenza nel settore agroalimentare

Gruppo Collis è composto da oltre 3000 soci viticoltori che quotidianamente curano oltre 6.700 ettari di vigneto distribuiti su tutte le principali zone vitivinicole del Veneto.

Filare dopo filare il Gruppo Collis ha esteso le proprie coltivazioni dalle colline del Soave, alle province di Vicenza e Padova, dalla culla del Prosecco fino alle terre del Valpolicella a nord di Verona. Collis produce oggi oltre il 15% dell’intera produzione del Veneto.

Gruppo Collis - Contec AQS

Da dicembre 2016 Contec AQS è al fianco di Gruppo Collis – Veneto Wine Group con l’assunzione del ruolo di RSPP per la sede del gruppo oltre che per due delle aziende: Cielo e Terra e Riondo .
La collaborazione, oltre all’assunzione dell’incarico citato, prevede una serie di attività legate all’implementazione e al miglioramento del modello organizzativo ai sensi del D.lgs 231/2001 e dei sistemi di gestione OHSAS 18011, ISO 14001 e 9001 per le cantine Collis, Cielo e Terra e Riondo.
Con questa nuova collaborazione Contec AQS rafforza la sua presenza nel settore agroalimentare.

vini-riondo Gruppo Collis

CIELO-E-TERRA Gruppo Collis

cantina-veneta Gruppo Collis

Gruppo Collis è composto da oltre 3000 soci viticoltori che quotidianamente curano oltre 6.700 ettari di vigneto distribuiti su tutte le principali zone vitivinicole del Veneto. Filare do...

> Read more

Sistemi di gestione: nuovi incarichi e collaborazioni rinnovate per Contec AQS

Contec AQS è da anni al fianco dei propri clienti nel progettare, implementare, mantenere e migliorare sistemi di gestione in ambito qualità, ambiente, sicurezza, sostenibilità.

E’ di questi giorni la firma dell’accordo per la progettazione ed implementazione del sistema di gestione OHSAS 18001 con ED Express Delivery, società attiva da oltre 30 anni e specializzata nelle soluzioni di trasporto, logistica, facility management e outsourcing per il settore automotive.

Contec AQS sistemi-gestione-ISO-OHSAS

In tema del miglioramento di sistemi di gestione già implementati, Contec AQS ha siglato un importante accordo con LIDL Italia per la stesura della procedura di sistema di gestione riguardante la gestione degli appalti.

Sulla stessa lunghezza d’onda si pone l’accordo stipulato con Forgital Italia, primaria realtà del settore siderurgico, per lo svolgimento di una gap analys per l’adeguamento del sistema di gestione ambientale allo standard ISO 14001:2015.

A completare il quadro rispetto ai servizi AQS è con soddisfazione che comunichiamo il buon esito dell’audit di mantenimento del sistema di gestione qualità ISO 9001 di 4ward Consulting, dinamica società di consulenza attiva nella valutazione del modello industriale e nel miglioramento delle prestazioni dell’azienda.

Contec AQS è da anni al fianco dei propri clienti nel progettare, implementare, mantenere e migliorare sistemi di gestione in ambito qualità, ambiente, sicurezza, sostenibilità. E’ di...

> Read more

Flussi Informativi e Governance: il sistema circolatorio della Struttura Sanitaria

Immaginiamo le informazioni come il sangue, un mezzo di trasporto che alimenta i nostri organismi, ognuno deputato ad una funzione, ognuno che agisce in modo ottimale se ottimamente servito.
Il sistema di gestione delle informazioni nella struttura sanitaria deve ottenere la medesima efficienza…senza trombosi.

Flusso-informativo_Contec-AQS

Se dieci anni fa, in Italia, si poteva parlare di trend a cui la legge pian piano spingeva oggi si deve parlare di unica realtà: le strutture sanitarie devono allestire un saldo ed efficiente sistema di autocontrollo. Le autorità deputate, enti pubblici, di certificazione, stakeholders in generale, si “limitano” a chiederne evidenza, a valutarne l’idoneità e l’applicazione.

La colonna portante di un sistema di autocontrollo e il corretto governo delle informazioni che, per essere efficiente, deve avvenire con un sistema unico, integrato, che dia accesso ai dati ad ogni funzione in modo ottimale.

Quante sono le strutture sanitarie che utilizzano un sistema di gestione ISO 9001? Quante hanno un modello 231 o riflettono comunque se adottarlo? Quante devono rispondere alla legge sulla privacy o affrontare le difficoltà di valutazione e gestione del rischio clinico? Tutto ciò può e deve essere gestito con un unico sistema di gestione delle informazioni.

 

Una ipotesi pratica

Assecondiamo lo standard ISO 9001 capovolgendo tutto come gestione del rischio.

Rischio di compromettere la qualità dei servizi, rischio di non essere conforme alla norma di legge, rischio clinico, rischio di illecito trattamento dei dati etc…. A questo punto poniamo l’attenzione allo standard ISO 31000, gestione del rischio, in cui viene definito un modus operandi (Principi e linee guida) di trattamento del rischio. Nello stesso standard viene definito anche il Titolare del rischio (UNI ISO 31000, 2. Termini e definizioni, p.to 2.7 Titolare del rischio: persona o entità con la responsabilità e autorità per gestire un rischio).

Il titolare del rischio deve avere autorità e l’autorità in sanità è anche una questione di fatto, una questione di competenza. Assodato che la responsabilità di molto, se non tutto, ricade nel legale rappresentante e del direttore sanitario (o equivalente) non è detto che però siano questi ad avere le adeguate competenze per analisi e gestione del rischio.

E’ questione di conoscenza. Il focus allora si sposta alla diffusione della conoscenza, all’accesso delle informazioni (Jeremy Rifkin docet).
Il titolare del rischio, quindi, se non autorevolmente competente dovrà essere affiancato da chi lo è. Le informazioni (es: evento avverso) devono arrivare pertanto al titolare del rischio compente, o meglio, al tecnico ad egli associato. Ma di fronte ad un sistema integrato, come riuscire a indirizzare l’informazione al titolare giusto?

La centralità e trasversalità dell’ufficio qualità o responsabile gestione qualità (per gli enti più semplici), incentivata anche dal nostro legislatore (Nazionale e Regionale) si fa concreta. La trasversalità della sua funzione permette infatti di:

  1. Recepire nel modo ottimale l’istanza proveniente da Aree aziendali e/o reparti
  2. Indirizzare al titolare o titolari corretti l’istanza (più titolari sono possibili perché gli ambiti di rischio possono essere sovrapposti – qualità del servizio e rischio clinico viaggiano per esempio intrecciati a doppio filo)
  3. Coordinare e ottimizzare le risorse coinvolte al fine della risoluzione delle eventuali Non conformità (azioni correttive) o modifiche delle misure, inadeguate, adottate – azioni preventive.
  4. Diffondere la conoscenza e consapevolezza affinché anche l’attività dal basso di invio delle istanze sia svolta con sempre più competenza.

Il flow chart scaricabile illustra il processo in 5 sintetici passaggi.

flusso-informativo-e-pdca_contec-aqs-sanita

Chi fosse interessato ad informazioni di merito può inviare una e-mail a lineadiretta.aorsi@contecaqs.it
sarà nostra premura aggiornarvi sui prossimi sviluppi dei lavori.

 

A cura di Andrea Orsi

 

Andrea-Orsi-contec-AQS

Direttore di Area per Contec AQS

Andrea è laureato in Economia e Commercio Internazionale a Trieste e ha seguito un master di secondo livello in Diritto informatico presso l’Università di Padova con tesi sulla Dematerializzazione del Documento Sanitario (referto medico digitale).
Abilitato come lead auditor per lo standard ISO 27001 (sicurezza del sistema informativo) presso BSI, ha operato per la conformità a norme di legge e a norme tecniche, quali gli standard ISO dei sistemi di gestione, con specializzazione nel settore sanitario.

 

Vai alla pagina Consulenza alle strutture sanitarie e socio sanitarie

 

Servizi Contec AQS correlati:

  • Consulenza compliance privacy e audit di conformità
  • Integrazione Privacy – Sistema Gestione Qualità
  • Servizio Data Protection Officer
  • Servizio Responsabile della conservazione
  • CinquePro-sanità

Immaginiamo le informazioni come il sangue, un mezzo di trasporto che alimenta i nostri organismi, ognuno deputato ad una funzione, ognuno che agisce in modo ottimale se ottimamente servito. ...

> Read more

RSPP e RSGA del cantiere AV di Brescia

Contec AQS acquisisce un altro prestigioso incarico nel settore strategico dell’alta velocità.

Nell’ambito della collaborazione con Società Italiana per Condotte d’Acqua, Contec AQS ricoprirà l’incarico di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) e Responsabile del Sistema di Gestione Ambientale (RSGA) dell’ unità produttiva relativa al cantiere AV interconnessione di Brescia.

Nella sua storia ormai ultra centenaria e ricca di eventi, Società Italiana per Condotte d’Acqua S.p.A. può vantare la realizzazione,  in Italia e nel mondo, di dighe e impianti idroelettrici, strade e autostrade, ferrovie e metropolitane, porti e opere marittime, opere idrauliche e progetti d’irrigazione, aeroporti, opere in sotterraneo, opere civili per centrali termiche e nucleari, interventi di edilizia residenziale, direzionale, sportiva, industriale e ospedaliera, opere di salvaguardia ambientale e monumentale

Contec AQS acquisisce un altro prestigioso incarico nel settore strategico dell’alta velocità. Nell’ambito della collaborazione con Società Italiana per Condotte d’Acqua, Contec AQS ...

> Read more

Iscriviti a Unica - News Tecnica Contec

Autorizzo il trattamento dei dati personali