Salute e Sicurezza in azienda - Contec AQS

Salute e Sicurezza in azienda

Le società del Gruppo Cattolica adottano un sistema di gestione per la sicurezza sul lavoro BS OHSAS 18001

Gruppo Cattolica Assicurazioni, società leader nel mercato assicurativo italiano, è presente su tutto il territorio nazionale con una rete distributiva multicanale di quasi 1.500 agenzie e oltre 1.900 agenti.

Il Gruppo Cattolica è formato dalla Capogruppo Cattolica Assicurazioni e da dodici compagnie assicurative e di bancassurance, cui si aggiungono altre società attive nell’ambito immobiliare, agricolo e di servizi operativi.

Gruppo Cattolica Sistema Gestione Sicurezza sul lavoro - Verona

 

La Sede Centrale di Verona

Cattolica da tempo si è dimostrata sensibile al tema della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro e attiva nel mettere in pratica politiche rivolte al benessere lavorativo dei propri dipendenti.

A partire dal 2016, le società del Gruppo Cattolica hanno deciso di dotarsi di un Sistema di Gestione per la Salute e Sicurezza sul Lavoro, conforme alla norma OHSAS 18001. Il sistema, basato su un insieme di regole e procedure, ha lo scopo di perseguire gli obiettivi fissati dalla Politica aziendale in tema di Salute e Sicurezza, tra i quali il consolidarsi della Cultura della prevenzione e della sicurezza in termini proattivi, al fine di garantire livelli di tutela sempre più ambiziosi e una costante, significativa diminuzione di incidenti, infortuni e malattie professionali

Tra i vantaggi dell’azione di un sistema di gestione ci sono:

  • la tutela di tutte le figure coinvolte nella gestione della sicurezza (dal Dirigente ai lavoratori): Un Sistema conforme alla norma BS OHSAS 18001, adottato, certificato e correttamente implementato, funge da condizione esimente nei confronti della responsabilità amministrativa dell’Ente (D.Lgs. 231/01)
  • miglioramento nel tempo dei livelli di salute e sicurezza dei lavoratori di un’Organizzazione promuovendo la sensibilizzazione dell’azienda verso gli aspetti legati alla prevenzione e protezione;
  • aumento dell’efficienza e delle prestazioni dell’Organizzazione attraverso una rivisitazione dei processi produttivi e delle dinamiche organizzative;
  • riduzione degli incidenti, infortuni e malattie professionali e dei relativi costi

Il sistema di gestione, nell’ottica del miglioramento continuo del processo, volto al raggiungimento degli obiettivi, agisce secondo il principio PLAN – DO – CHECK – ACT.

Il sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro di Gruppo Cattolica è stato sottoposto, nel corso dei mesi passati, alle verifiche dell’Ente di certificazione con un duplice obiettivo: valutare il mantenimento previsto ed estendere il perimetro stesso del sistema ad altre attività, secondo l’evoluzione della società.

Gruppo Cattolica Sistema Gestione Sicurezza sul lavoro - Milano

Gruppo Cattolica Sistema Gestione Sicurezza sul lavoro - Roma

Le sedi Direzionali di Milano e Roma

Contec AQS, dal 2018 RSPP e consulente di riferimento per il SSP interno anche in relazione al SGSL, ha supportato il Gruppo Cattolica in tale processo fino al raggiungimento del traguardo atteso.


Progettazione, implementazione e mantenimento del Sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro secondo i principi OHSAS 18001: il metodo applicato da Contec AQS

 

Fase 1: Verifica preliminare

Il punto di partenza è stato conoscere il Gruppo, la sua organizzazione e le sue dinamiche attraverso un’intensa attività di rilievi e analisi sugli aspetti organizzativi e relazionali, sulle attività svolte, sui modelli e le procedure adottate e sui meccanismi decisionali.

Nel caso delle sedi di Verona e Milano, già certificate e oggetto di verifica per il mantenimento, sono state prese in esame le caratteristiche del sistema per valutare l’attuale rispondenza ai principi OHSAS 18001.

L’output di questa prima fase è stato un audit di conformità alla Legislazione cogente, che ha valutato la rispondenza alla normativa in materia e messo in evidenza punti di forza e criticità nell’efficienza, efficacia e controllo dei processi.

 

Fase 2: Attività integrative ed estensione del sistema

Sulla base dei dati raccolti nell’analisi iniziale, ogni requisito dello standard OHSAS 18001 è stato classificato secondo una scala di priorità e accompagnato da un programma di miglioramento. Per le sedi già certificate è stato prodotto un piano di attività integrative al sistema in essere e preparatorie alla verifica. Il sistema, nello specifico del manuale, delle procedure e dei moduli relativi, è stato quindi esteso per uniformità alla sede di Roma.

 

Fase 3: Implementazione del Sistema

La corretta adozione del Sistema ha richiesto la stesura di un dettagliato cronoprogramma secondo le priorità individuate in fase progettuale.

Nella fase di implementazione si è rivelata indispensabile l’attività di formazione del personale interno, favorita da diversi strumenti come le comunicazioni specifiche sul progetto, gli affiancamenti, gli incontri tematici di gruppo, le note informative di chiarimento sulle modalità applicative di procedure e modelli adottati, ecc.

Una parte importante ha riguardato il reperimento e la verifica della documentazione relativa all’immobile ed agli impianti

 

Fase 4: Audit interno, riesame della Direzione e Certificazione OHSAS 18001

A garanzia della corretta applicazione del Sistema, sono stati effettuati monitoraggi periodici, in ottica di miglioramento continuo.

 

Il progetto si è concluso con l’audit dell’ente di Certificazione e l’ottenimento del Certificato OHSAS 18001 per la sede direzionale di Roma e per le nuove società entrate a fa parte del Gruppo. Le sedi di Verona e Milano hanno ottenuto il mantenimento del Certificato OHSAS 18001.

L’adozione del sistema ha visto in opera una stretta sinergia tra il servizio di prevenzione e protezione e le altre figure previste dalla normativa in tema salute e sicurezza (datore di lavoro, delegato per la sicurezza, RGS, etc), oltre che le varie funzioni aziendali coinvolte (Ufficio Tecnico, Ufficio Acquisti, HR, Training).

Il team Contec AQS a supporto del Servizio di Prevenzione e Protezione di Gruppo Cattolica, è composto da Sara Scansetti, Luca Marani, Danilo Fabbri, Irene Sartori e Valeria Negri.

Dopo il positivo riconoscimento del sistema di gestione per la sicurezza SGSL, i prossimi obiettivi saranno la ri-certificazione dell’intero sistema, al termine del primo triennio di implementazione e la gestione della migrazione alla norma UNI ISO 45001:2018, il cui termine ultimo per il completamento è fissato per marzo 2021.

 

 

   Per ulteriori informazioni sul Gruppo Cattolica clicca qui

 

Gruppo Cattolica Assicurazioni, società leader nel mercato assicurativo italiano, è presente su tutto il territorio nazionale con una rete distributiva multicanale di quasi 1.500 agenzie e ...

> Read more

SAFETY DAY CONTEC | Nuovi approcci e nuovi strumenti per la gestione dei rischi

SAFETY DAY CONTEC | Nuovi approcci e nuovi strumenti per la gestione dei rischi

 


4 WORKSHOP

Scarica le slide degli interventi


Safety Day Contec | 29 maggio è la nuova formula di formazione avanzata che nasce dalle competenze congiunte di Contec AQS e Contec Industry.

Nuovi approcci e nuovi strumenti per la gestione dei rischi  in un’unica giornata offre:

  • 4 WORKSHOP
  • SOLUZIONI INNOVATIVE
  • CASI PRATICI
  • ANALISI E APPROFONDIMENTI

Sarà possibile effettuare l’iscrizione anche a singoli workshop e non necessariamente all’intera giornata, sulla base di interessi ed esigenze.

CREDITI E ATTESTATI

Riconoscimento fino a 8crediti per aggiornamento RSPP – ASPP

DESTINATARI

Gli incontri sono riservati a RSPP/ASPP, HSE manager, Datori di Lavoro e Delegati per la sicurezza, Direttoridi stabilimento, Manutenzione, Produzione e Acquistidi medie e grandi aziende.

LE ISCRIZIONI SONO CHIUSE, MA PUOI SCARICARE GLI INTERVENTI DEI RELATORI

Leggi tutti i dettagli e SCARICA IL MATERIALE DIDATTICO


INFORMAZIONI

Contec AQS

Enrico Urbani
Cell. 345 0607423
e-mail: enrico.urbani@contecaqs.it

Livia Manfredini
Cell. 345 9224353
e-mail: livia.manfredini@contecaqs.it

Maria Giovanna Verdesca
Tel. 045 4729854
e-mail: mariagiovanna.verdesca@contecaqs.it

Contec Industry
Federico Fabris
Cell. 3480072925
e-mail: federico.fabris@contecindustry.it

  4 WORKSHOP Scarica le slide degli interventi Safety Day Contec | 29 maggio è la nuova formula di formazione avanzata che nasce dalle competenze congiunte di Contec AQS e Co...

> Read more

Contec AQS al Retail Business Forum 2019

Contec AQS al Retail Business Forum 2019

Contec AQS al Retail Business Forum 2019 per presentare i servizi a supporto del settore retail e multisito

 

Contec AQS partecipa al Retail Business Forum 2019, l’evento organizzato da Richmond Italia che riunisce i maggiori Responsabili dello Sviluppo delle attività di Retail delle più importanti aziende italiane.

Il Forum, alla nona edizione quest’anno, è riconosciuto come formula vincente per la capacità di avvicinare il top management della domanda e dell’offerta di prodotti, servizi, soluzioni e progetti legati al mondo Retail.

Un’atmosfera vibrante e dinamica, in cui si alternano meeting, seminari, workshop, gruppi di lavoro, incontri mirati per due giorni di networking B2B e condivisione di stimoli, idee e soluzioni. Leggi il programma di conferenze del Forum.

 

Abbiamo scelto di partecipare perchè..

 

L’esperienza maturata al fianco di grandi aziende leader nel settore retail e multi sito, ci ha permesso di sviluppare un pacchetto di servizi sul tema della sicurezza sul lavoro cucito sulle specifiche esigenze del settore.

L’Health and Safety Store Coordinator di Contec AQS è il referente per la gestione di tutti gli aspetti legati alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro all’interno degli store/siti presenti in una determinata area geografica.

 

I servizi a supporto del settore retail e multisito

  • gestione della Due diligence documentale dei vari siti
  • gestione art. 26 D.Lgs. 81/08 (Qualifica/ITP fornitori)
  • cantieri temporanei e mobili (shop modification in Italia e all’Estero)
  • gestione eventi
  • formazione sicurezza
  • audit sicurezza (sia in Italia che all’Estero)

 

Per approndimenti sulle attività specifiche per il retail e multisito e leggere le esperienze dei nostri tecnici clicca qui

 

Contec AQS al Retail Business Forum 2019 per presentare i servizi a supporto del settore retail e multisito   Contec AQS partecipa al Retail Business Forum 2019, l’evento organizza...

> Read more

Sicurezza sul lavoro: come declinarla nel settore Retail e multi sito

Il tema della sicurezza sul lavoro, di cui il D.lgs 81/08 rappresenta attualmente il pilastro portante in Italia, riguarda tutte le aziende operanti in qualsiasi settore, di qualunque dimensione e localizzazione sul nostro territorio. Il Testo Unico racchiude quindi un ampio panorama di situazioni aziendali, le cui peculiarità vanno indagate e conosciute a fondo per dare risposta a quegli obblighi che la normativa impone.

Sicurezza sul lavoro nel settore retail e multi sito – il caso specifico

 

Prendendo il caso di quelle realtà, anche multinazionali, operanti in Italia che distribuiscono i loro prodotti tramite store e siti nel territorio nazionale e nelle principali città d’Europa e del mondo, Contec AQS ha pensato ad un servizio mirato a soddisfare le specifiche esigenze del settore retail e multi sito nell’ambito della sicurezza dei luoghi di lavoro.

Sicurezza sul lavoro nel settore retail e multi sito Sicurezza sul lavoro nel settore retail e multi sito Sicurezza sul lavoro nel settore retail e multi sito Sicurezza sul lavoro nel settore retail e multi sito

Il nome dell’incarico è Health and Safety Store Coordinator e l’oggetto del servizio è la gestione degli aspetti legati alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro all’interno degli store/siti presenti in una determinata area geografica.

La sfida che si presenta con questa tipologia di incarichi è quella di riuscire a creare un sistema che sia allo stesso tempo in grado di soddisfare le necessità di un’azienda di rispondere agli obblighi delle normative nazionali vigenti e adattarsi alle specificità legislative dei vari Paesi in cui si trovano i suoi store/siti.


Contec AQS, oggi nelle aziende del Retail, affianca Datori di Lavoro e loro Delegati in tema di sicurezza sul lavoro per adempiere agli obblighi di legge e tutelare le figure preposte dalle responsabilità amministrative e penali a loro carico.

Inoltre, Contec  AQS può supportare le aziende nella gestione e supervisione degli adempimnti della normativa Sicurezza in ciascuno stato dell’Unione Europea. Oggi i tecnici di Contec AQS sono presenti in tutti gli stati Europei e possono contare su professionalità specifiche di ciascuno Stato Paese per far fronte a tutte le richiese normative specifiche di ciascuno stato.

Gstione della sicurezza dei cantieri per tutte le attività riconducibili a nuove aperture o shop-modification con assunzioni delle responsabilità del Committente sul tema della sicurezza sul lavoro


Un interlocutore unico per le tematiche Health & Safety

 

Contec AQS diviene per l’azienda un fulcro, un unico interlocutore cui rivolgersi per quel che concerne tutte le tematiche H&S sul territorio in questione. Ad esempio:

  • supporto nella scelta dei partner locali che si occupano della sicurezza sui luoghi di lavoro e controllo del loro operato
  • gestione della DUE DILIGENCE documentale di tutti i siti e gli store
  • gestione obblighi in tema di sicurezza e sul lavoro per tutte le ditte manutentrici e relativi subaffidatari
  • formazione, idoneità sanitaria e gestione delle ditte manutentrici
  • assistenza al committente per le attività di restyling degli store e dei siti
  • audit e gestione della sicurezza negli store in Europa
  • audit in Italia e estero sulle norme ISO 9001 – OHSAS 18001 – ISO 45001 e ISO 14001

A seconda dell’organizzazione funzionale e dei singoli aspetti in cui si sviluppa il servizio, le figure di riferimento per i nostri tecnici sono gli HSE Manager e i Facility Manager.

 

Massimiliano-Gagliardi-Contec-AQSMassimiliano Gagliardi, Direttore d’Area di Contec AQS, commenta: “Promuovendo questo servizio ci siamo fissati un nuovo traguardo. Crediamo molto nel valore di questo servizio e i clienti che ci scelgono sono la conferma che stiamo operando nella direzione giusta: per noi questo è il riconoscimento di una professionalità che ci differenzia nel nostro mercato”.

Massimiliano è abilitato come Coordinatore per la Sicurezza in fase di Progettazione ed Esecuzione dei lavori (CSP/CSE), come Responsabile del Servizio di Prevezione e Protezione (RSPP) per tutti i settori ATECO, come Lead Auditor 9001,18001, 14001.

 
Per un confronto tecnico scrivi a lineadiretta.mgagliardi@contecaqs.it

 

 

Compila i dati per scaricare gratuitamente l’approfondimento sul tema Facility Management

 

 

Il tema della sicurezza sul lavoro, di cui il D.lgs 81/08 rappresenta attualmente il pilastro portante in Italia, riguarda tutte le aziende operanti in qualsiasi settore, di qualunque dimensi...

> Read more

Formazione Sicurezza in Interporto Bologna: Contec AQS è il partner tecnico

Interporto Bologna spa in collaborazione con CONTEC AQS promuove il Progetto Insieme+ Formazione per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

 

Interporto Bologna, piattaforma logistica innovativa globale attiva da oltre 40 anni, è uno degli Hub più importanti d’Europa. Collocato in una posizione strategica per il traffico delle merci, la struttura si estende su una superficie di oltre 4 milioni di mq, di cui 665.000 mq destinati a facility ferroviarie/intermodali e 600.000  mq dedicati a magazzini.

Interporto Bologna, grazie ad esperienza e capacità di visione e innovazione, ha creato una vera e propria comunità di imprese, offrendo servizi ad alto valore aggiunto correlati ai principi alla base del proprio operato: sicurezza, qualità, information technology, ricerca e sviluppo e sostenibilità.

Insieme+ Formazione è il più recente progetto dedicato alle oltre 120 aziende insediate, nelle quali operano più di 4.000 persone. Attraverso Insieme+ Formazione Interporto Bologna supporta le imprese nell’adempimento degli obblighi formativi relativi alla sicurezza, sia presso le proprie strutture che presso gli stessi clienti.

Contec AQS, grazie alle competenze tecnico-formative e all’esperienza del proprio staff, è stata scelta da Interporto Bologna come partner tecnico per lo sviluppo del progetto Insieme+ Formazione.

I nostri docenti Contec AQS sono tecnici professionisti della Salute e Sicurezza, quotidianamente impegnati sul campo e con una forte esperienza nelle attività di  formazione, oltre che in possesso delle qualifiche richieste dalla normativa.

 

Clicca qui per il calendario corsi di aprile e maggio

 

Scopri l’elenco dei corsi disponibili


Hai bisogno di un corso che non è in elenco?

Contattaci per pianificarlo insieme: formazione@contecaqs.it – 342 7031244


Iscrizioni ai corsi in calendario: info@formazioneinterporto.it – 342 7031244

Interporto Bologna spa in collaborazione con CONTEC AQS promuove il Progetto Insieme+ Formazione per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro   Interporto Bologna, piattaforma logi...

> Read more

Infortuni e malattie professionali: diffusi i dati Inail del primo trimestre 2019

Infortuni e malattie professionali: diffusi i dati Inail del primo trimestre 2019

Inail ha pubblicato sul suo sito i primi dati analitici relativi a infortuni e malattie professionali registrati all’Istituto nei primi mesi del 2019, per offrire una prima panoramica dell’andamento degli episodi denunciati nell’intervallo in esame confrontato allo stesso periodo nel 2018.

Infortuni: 157.715 (+1,9%) le denunce nel complesso, invariato il dato sulle denunce con esito mortale

  • Denunce di infortunio

>> Modalità di accadimento:

Occasione di lavoro + 1%

In itinere + 7,4 %

>> Gestione:

Industria e servizi: +0,1%

Agricoltura: +9,3 %

Per Conto dello Stato: +6,7%

>> Luogo di accadimento:

Nord-Ovest: +1,5% | Valle d’Aosta: -6,6 %

Nord-Est: +2,1% | provincia autonoma di Bolzano +5,0%

Centro: +2,8% | Umbria: +9,8% – Marche +4,9%

Sud: +0,2%

Isole: +3,1% | Sardegna: +5%

>> Genere:

Uomini: + 1,6%

Donne: + 2,3%

>> Provenienza:

Italiani: +1,5%

Comunitari: -0,2%

Extracomunitari: +4,9%

>> Classe d’età:

Aumenti generalizzati in tutte le fasce ad eccezione della 30-49 che presenta un -2,5%.

  • Denunce di infortunio con esito mortale

Per quanto riguarda il luogo di accadimento, le regioni del Nord presentano un calo di casi mortali, aumentano invece nelle regioni di Centro – Sud e Isole.

Aumentati i casi mortali i cui sono stati coinvolti uomini, in proporzione ridotto il numero per le donne.

Sensibile aumento per le fasce 45-54 anni e 20-24 anni.

14 le vittime registrate in incidenti plurimi, dato allineato al 2018 ma sbilanciato sull’Emilia Romagna.


Malattia professionale: lieve flessione (-1,4%) delle denunce presentate entro marzo 2019

>> Gestione:

Industria e servizi: -1,2%

Agricoltura: -1,4 %

Per Conto dello Stato: -13,6%

>> Luogo di accadimento:

Nord-Ovest: -1,5%

Nord-Est: -2,4%

Centro: -1,6%

Sud: -0,5%

Isole: -0,9%

>> Genere:

Uomini: – 1,6%

Donne: – 0,7%

>> Provenienza:

Italiani: -2,2%

Comunitari: +15%

Extracomunitari: +10%

>> Patologie: le prime 3 per numero di casi registrati

Malattie del sistema osteo-muscolare e del tessuto connettivo: 8286 casi registrati

Malattie del sistema nervoso: 1520 casi registrati

Malattie dell’orecchio: 986 casi registrati


Le considerazioni e le analisi di confronto devono tenere conto del fatto che si tratta di dati ancora provvisori. Le valutazioni più attendibili richiedono il consolidamento dei dati dell’intero 2019, con la conclusione dell’iter amministrativo e sanitario relativo a ogni denuncia.

Fonte: INAIL – Open Data

Inail ha pubblicato sul suo sito i primi dati analitici relativi a infortuni e malattie professionali registrati all’Istituto nei primi mesi del 2019, per offrire una prima panoramica del...

> Read more

Prevenzione incendi: le norme tecniche modificate dal nuovo Decreto 12 aprile 2019

Prevenzione incendi Nuovo Decreto 12 aprile 2019

Il Decreto del Ministero dell’Interno del 12 aprile 2019 Modifiche al decreto 3 agosto 2015, recante l’approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi, ai sensi dell’articolo 15 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139 è stato pubblicato lo scorso 23 aprile sulla Gazzetta Ufficiale n.95.

Le nuove disposizioni vanno a modificare le norme tecniche di prevenzione incendi con l’obiettivo di semplificare e razionalizzare un corpo normativo articolato come è quello attuale, grazie a un nuovo approccio metodologico in linea col progresso tecnologico e gli standard diffusi a livello internazionale.

Si segnala che il Decreto porta alla sospensione del “doppio binario”: nella progettazione antincendio delle attività soggette a controllo dei VVF non sarà più consentita l’applicazione alternativa del D.M. 03-08-2015 “Approvazione e modalità applicative delle norme tecniche di prevenzione incendi” rispetto alle altre disposizioni vigenti in tema.

Dopo l’entrata in vigore del Decreto, il prossimo 20 ottobre 2019 l’applicazione del D.M. 03-08-2015 sarà obbligatoria per alcune delle attività indicate nell’allegato I al D.P.R. n° 151/2011 e s.m.i., con alcune distinzioni.

Prevenzione incendi Nuovo Decreto 12 aprile 2019

Attività soggette all’applicazione:

Il Codice di Prevenzione Incendi si applica alla progettazione, alla realizzazione e all’esercizio delle attività indicate nell’allegato I al DPR n.151/2011 ai seguenti numeri:

  • 9 (saldatura e taglio)
  • 14 (officine o laboratori per la verniciatura)
  • da 19 a 40, da 42 a 47; da 50 a 54; 56; 57; 63; 64 (attività produttive ed industriali in genere)
  • 66 (alberghi, ad esclusione delle strutture turistico-ricettive all’aria aperta e dei rifugi alpini)
  • 67 (scuole, ad esclusione degli asili nido)
  • da 69 a 71 (vendita, depositi, aziende ed uffici)
  • 73 (edifici usi terziari)
  • 75 (autorimesse)
  • 76 (tipografie, litografie)

Applicazione normative verticali “classiche”:

In alternativa alle norme tecniche, è possibile applicare le norme tecniche verticali classiche, per le seguenti attività:

  • 66 (alberghi) ad esclusione delle strutture turistico-ricettive all’aria aperta e dei rifugi alpini;
  • 67 (scuole), ad esclusione degli asili nido;
  • 69 (attività commerciali), limitatamente alle attività commerciali ove sia prevista la vendita e l’esposizione di beni;
  • 71 (aziende ed uffici con oltre 300 persone);
  • 75 (autorimesse), con esclusione dei depositi di mezzi rotabili e dei locali adibiti al ricovero di natanti ed aeromobili.

Per consultare il Decreto 12 aprile 2019 clicca qui

 

Il Decreto del Ministero dell’Interno del 12 aprile 2019 Modifiche al decreto 3 agosto 2015, recante l’approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi, ai sensi dell’articolo 15...

> Read more

Digitalizzazione del patrimonio e dei processi di gestione nel Facility Management – Evento Milano

Contec AQS, in collaborazione con BIS-lab® Building Innovation & Skills Lab e TeamSystem, partecipa a L’approccio integrato alla digitalizzazione del patrimonio e dei processi di gestione, l’incontro sul Facility Management organizzato da IFMA Italia


Evento Gratuito

4 aprile 2019 | ore 14:30 – 17:30

MILANO | Hotel Lombardia Milano, V.le Lombardia 74


>> Compila il form in fondo alla pagina per scaricare le slide degli interventi<<


L’approccio integrato alla digitalizzazione del patrimonio e dei processi di gestione è un evento che fa parte della sezione “La parola all’esperto” di IFMA Italia, un programma di incontri con l’obiettivo di approfondire tematiche di interesse per chi opera nel settore del Facility Management, attraverso la partecipazione di esperti della materia.

L’intervento di Gruppo Contec è finalizzato a descrivere le motivazioni che spingono il Datore di Lavoro di occuparsi, contemporaneamente alle altre attività che caratterizzano la disciplina del FM, degli aspetti che riguardano la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Oltre agli aspetti normativi e le conseguenze nelle quali può incorrere disattendendo gli adempimenti obbligatori previsti per legge, si spiegherà come gli strumenti digitali per il governo delle informazioni relative al tema della salute e sicurezza, possano rappresentare un efficace mezzo per governare la complessità e dimostrare, in caso di necessità, la conformità con gli obblighi di legge.

IL PROGRAMMA

14.30 – Registrazione partecipanti

14.45 – Benvenuto e Introduzione | Fabio Cognolato, TeamSystem Construction

15.00 Come sviluppare la catena del valore informativo durante il ciclo di vita di un’opera | Daniele Bagagli, TeamSystem Construction

15.30Il Facility Management dal punto di vista della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro | Massimiliano Gagliardi, Contec AQS, Gruppo Contec

16.00 – Coffee break

16.15 Dal BIM al Facility Management digitale: approcci innovativi per la tutela del datore di lavoro | Michele Carradori, BIS-lab® Building Innovation & Skills Lab, Gruppo Contec

16.45TeamSystem Construction l’innovativa piattaforma Bim che coniuga i flussi di progettazione e costruzione con le successive attività di Facility e Manutenzione | Paola Giordani, TeamSystem Construction

17.15 – Domande e Risposte

COME ISCRIVERSI

L’evento è concluso, ma puoi scaricare le slide degli interventi registrandoti al form sottostante.

ATTESTATI E CREDITI

È previsto il rilascio di attestati di frequenza, inoltre il seminario concorre all’ottenimento e al rinnovo del riconoscimento professionale “Facility Management Specialist – FMS”, rilasciato da IFMA Italia.

Crediti formativi riconosciuti: 0,5

 
 
MAGGIORI INFORMAZIONI

Contec AQS

Livia Manfredini
Cell. 345 9224353
e-mail: livia.manfredini@contecaqs.it

Maria Giovanna Verdesca
Tel. 045 4729854
e-mail: mariagiovanna.verdesca@contecaqs.it

 

 

Contec AQS, in collaborazione con BIS-lab® Building Innovation & Skills Lab e TeamSystem, partecipa a L'approccio integrato alla digitalizzazione del patrimonio e dei processi di gesti...

> Read more

DPI: in vigore il Decreto di adeguamento al Regolamento UE 2016/425

Dpi decreto 17/2019 regolamento europeo 2016/45

Dispositivi di Protezione Individuale: nuove indicazioni per fabbricanti, distributori e utilizzatori

Lo scorso 14 Febbraio 2019 è stato approvato dal Consiglio dei Ministri il D.Lgs. 17/2019 relativo all’Adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del regolamento (UE) n. 2016/425 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 9 marzo 2016, sui dispositivi di protezione individuale e che abroga la direttiva 89/686/CEE del Consiglio.

Il provvedimento, introdotto in adeguamento al Regolamento 2016/425 in materia di dispositivi di protezione individuale (DPI), apporta alcune modifiche alla normativa nazionale.

Entrato ufficialmente in vigore il 12 Marzo 2019, il decreto modifica l’art. 74 comma 1 del Testo Unico della salute e della sicurezza sul lavoro D.Lgs. 81/08, richiamando direttamente le indicazioni del Regolamento 2016/425/UE in luogo della legislazione nazionale.

Il decreto, rivolto in primo luogo ai fabbricanti e commercianti dei dispositivi, stabilisce requisiti per la progettazione e la fabbricazione dei dispositivi di protezione individuale (DPI) da commercializzare, nonché detta i criteri per la loro commercializzazione all’interno dell’Unione, tenuto conto del mercato comune, non solo nazionale, in cui spesso le aziende si trovano ad operare.

 

Leggi il testo del D.Lgs 17/2019

Consulta il Regolamento (UE) n. 2016/425

 

 

Dispositivi di Protezione Individuale: nuove indicazioni per fabbricanti, distributori e utilizzatori Lo scorso 14 Febbraio 2019 è stato approvato dal Consiglio dei Ministri il D.Lgs. 17/...

> Read more

Convegno nazionale INAIL – Approfondimento dei fattori di rischio lavorativi

Inail Convegno nazionale 28 marzo 2019

 

Ministero della salute e Inail presentano i risultati di due anni di applicazione del progetto L’approfondimento dei fattori di rischio lavorativi e l’individuazione delle soluzioni per le aziende attraverso le attività di vigilanza e assistenza da parte delle Istituzioni.


INAIL

CONVEGNO NAZIONALE GRATUITO

Auditorium Inail | P.le Giulio Pastore, 6 – Roma

28 marzo 2019


Obiettivo del progetto consolidare le attività per la prevenzione e la sicurezza sul lavoro offrendo supporto alle imprese nella gestione dei rischi e nella definizione di misure tecniche, procedurali e organizzative per migliorare le capacità di analisi, la valutazione e la gestione dei rischi lavorativi.

Le attività di studio e ricerca si sono concentrate su tre specifiche aree:

  • uno studio multicentrico per verificare l’efficacia di uno standard di piano mirato di prevenzione da parte dei Servizi di prevenzione delle Asl, diffondendo buone prassi e ausili per la valutazione dei rischi.
  • il monitoraggio dei fattori di rischio presenti nei luoghi di lavoro, con un approfondimento sugli aspetti organizzativi, attraverso l’analisi delle informazioni che emergono durante l’attività di vigilanza dai Servizi di prevenzione delle Asl
  • un modello di rilevazione per le soluzioni tecniche, organizzative e procedurali attuate dalle aziende a fronte dei problemi di sicurezza evidenziati nel corso dei piani mirati

Allo stesso modo il convegno sarà articolato in tre sessioni che andranno a toccare:

  • Strategie di prevenzione: la rete istituzionale per l’integrazione di assistenza e vigilanza
  • Il monitoraggio dei rischi lavorativi e la definizione delle misure migliorative
  • I piani mirati di prevenzione nell’approccio proattivo alle aziende

Iscrizioni entro il 15 marzo 2019 direttamente sul sito Inail

Il convegno è accreditato per tutte le figure professionali del Ssned ha ottenuto 4,2 crediti validi per il programma di Educazione continua in medicina.

 

Fonte: INAIL

  Ministero della salute e Inail presentano i risultati di due anni di applicazione del progetto L’approfondimento dei fattori di rischio lavorativi e l’individuazione delle soluz...

> Read more

Iscriviti a Unica - News Tecnica Contec

Autorizzo il trattamento dei dati personali