Normativa - Contec AQS

Normativa

Seminario – Gestione operativa e digitale del cantiere all’interno dei siti produttivi e dei luoghi di lavoro


SEMINARIO GRATUITO

21 febbraio 2019 dalle ore 13:30 alle ore 18:00

Hotel Da Vinci – Milano


Seminario Gestione cantieri siti produttivi

Gestione operativa e digitale del cantiere

all’interno dei siti produttivi e dei luoghi di lavoro


Convivenza tra Titolo I e IV del D.Lgs. 81/2008

negli interventi di manutenzione edilizia e messa a norma di macchine, linee e impianti


Il seminario ha l’obiettivo di approfondire le conoscenze in merito a una corretta gestione dei lavori con interferenza nei casi di installazioni, manutenzioni (Titolo I) e opere edili (Titolo IV). Il tema sarà analizzato seguendo tutte le fasi del processo: nella progettazione del cantiere (attraverso l’approccio innovativo del BIM), durante la sua realizzazione (coordinamento sicurezza) fino alle attività di manutenzione e messa a norma, oltre alla vigilanza e agli accertamenti ispettivi.

Gli interventi saranno arricchiti dalla presentazione di case history e testimonianze aziendali.

 

REGISTRATI QUI

 
INFORMAZIONI

Contec AQS

Livia Manfredini
Cell. 345 9224353
e-mail: livia.manfredini@contecaqs.it

Enrico Urbani
Cell. 345 0607423
e-mail: enrico.urbani@contecaqs.it

Maria Giovanna Verdesca
Tel. 045 4729854
e-mail: mariagiovanna.verdesca@contecaqs.it

Contec Industry
Federico Fabris
Cell. 3480072925
e-mail: federico.fabris@contecindustry.it

 

 

SEMINARIO GRATUITO 21 febbraio 2019 dalle ore 13:30 alle ore 18:00 Hotel Da Vinci - Milano Gestione operativa e digitale del cantiere all’interno dei siti produttivi e dei luog...

> Read more

La gestione della sicurezza dei lavoratori all’estero – Seminario 27 novembre

gestione sicurezza lavoratori estero

La gestione della sicurezza dei lavoratori all’estero

Punti di attenzione e regole di esperienza per una corretta gestione della sicurezza del proprio personale operante all’estero


SEMINARIO

Crediti FCO

Martedì 27 novembre 2018 | ore 10- 13

Sala Conferenze SHR | Via Rismondo 2/E, 35131 Padova


gestione sicurezza lavoratori all’estero


La gestione della sicurezza dei lavoratori all’estero richiede la stesura di specifiche procedure che definiscano chiaramente ruoli e responsabilità in capo ai vari soggetti coinvolti (lavoratore, Medico competente, SPP, Ufficio Risorse Umane) in tutte le fasi del viaggio: dalle attività di pianificazione, alle attività in loco, al rientro e al comportamento in caso di emergenza.

 

Le misure descritte consentono di stabilire le linee guida per garantire il rispetto delle disposizioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro, sulla base dell’analisi di quelli che sono i rischi specifici connessi alle attività svolte all’estero (ambientali, logistici, socio-politici, biologici) e dell’adeguata formazione prevista per il personale viaggiante.


SEMINARIO

Crediti FCO

Martedì 27 novembre 2018 | ore 10- 13

Sala Conferenze SHR | Via Rismondo 2/E, 35131 Padova


CONTENUTI
  • Lavoratore all’estero: gli strumenti della trasferta e del distacco
  • Gestione della sicurezza all’estero: le procedure da adottare, le previsioni da inserire nel DVR, l’obbligo di formazione. Cosa dice la giurisprudenza
  • Rischi connessi alla sicurezza del lavoratore all’estero in particolare nei paesi considerati pericolosi: il rischio sanitario (il ruolo del medico competente, la gestione delle vaccinazioni, le misure da adottare), il rischio ambientale

RELATORI

ELISA PAVANELLO | Avvocato e Consulente Legale – Spolverato e Soci
LORENZO BARALDO | Direttore Area Tecnica Contec AQS

 

Iscriviti qui

 


INFORMAZIONI

Contec AQS

Ufficio eventi
Tel. 045 4729854
e-mail: eventi@contecaqs.it

La gestione della sicurezza dei lavoratori all’estero Punti di attenzione e regole di esperienza per una corretta gestione della sicurezza del proprio personale operante all'estero SE...

> Read more

Sicurezza sul lavoro nei servizi di Facility Management | Contec AQS a IFMA DAY 2018

 sicurezza sul lavoro facility management ifma day

Gruppo Contec per la tutela del Datore di Lavoro

Metodi e strumenti digitali per la conformità legislativa e la sicurezza sul lavoro

nel contesto dei servizi di Facility Management

Contec AQS anche quest’anno non manca l’appuntamento chiave sul Facility Management organizzato da IFMA International Facility Management Association Italia per esaminare e approfondire le tematiche Facility Management con i leader di settore.


19^ edizione del FACILITY MANAGEMENT DAY 2018

8 novembre 2018

Palazzo delle Stelline – Milano


La nostra partecipazione, a fianco dei colleghi di Contec IngegneriaBIS-lab® Building Innovation & Skills Lab (il laboratorio di ricerca del Gruppo Contec), è l’occasione per presentare di persona la nostra soluzione a servizio del Facility Management e delle realtà aziendali multisito.

sicurezza sul lavoro facility management ifma day

Sicurezza sul lavoro nel settore retail e multi sito

Grazie all’intreccio di competenze multidisciplinari, abbiamo messo a punto un approccio innovativo alla gestione della sicurezza nei luoghi di lavoro in grado di ottimizzare la relazione tra obblighi di legge, applicativi software e approccio BIM – Building Information Modeling.

sicurezza sul lavoro facility management ifma day

 

Di cosa si tratta? Ne abbiamo parlato proprio sulle pagine di IFMA Italia  Leggilo QUI.

 

 

Puoi partecipare a IFMA DAY 2018 insieme a Gruppo Contec scaricando questo invito e seguendo le istruzioni qui di seguito.

Per attivare l’invito free pass e partecipare all’evento, i passaggi sono molto semplici:

1. Visitare il sito dedicato all’evento cliccando qui

2. Cliccare sul tasto “Iscriviti” visibile in alto a destra

3. Selezionare la modalità d’iscrizione “partecipazione con free pass”

4. Quando richiesto dalla procedura, caricare il pdf allegato a questa mail

Il giorno dell’evento, dovrà presentarsi alla reception per ritirare il suo badge, che si genererà al momento della sua iscrizione on line. Non sarà possibile iscriversi direttamente al Palazzo delle Stelline il giorno dell’evento.

La data limite per l’iscrizione tramite la formula dell’invito è il 5 novembre.

 


INFORMAZIONI

Contec AQS

Ufficio eventi
Tel. 045 4729854
e-mail: eventi@contecaqs.it

 

 

 

  Gruppo Contec per la tutela del Datore di Lavoro Metodi e strumenti digitali per la conformità legislativa e la sicurezza sul lavoro nel contesto dei servizi di Facility Management...

> Read more

Sicurezza, conformità normativa e innovazione nel magazzino 4.0


CONVEGNO GRATUITO CON CREDITI RSPP – ASPP

25 settembre 2018 dalle ore 08:30 alle ore 13:00

CROWNE PLAZA PADOVA – Uscita A4 Padova Ovest

Seminario Sicurezza Magazzini Padova crediti RSPPSicurezza, conformità normativa e innovazione

nel magazzino 4.0


PER ISCRIVERTI CLICCA QUI

 

L’obiettivo del seminario è quello di approfondire le conoscenze necessarie a una corretta gestione della sicurezza dei lavoratori all’interno dei magazzini.

Partendo dalla conformità normativa fino allo sviluppo di innovazioni in ottica Industria 4.0, gli interventi saranno completati dalla presentazione di numerosi case history ed esperienze aziendali.

testimonianze - Seminario Sicurezza Magazzini Padova crediti RSPP

LE TESTIMONIANZE

ll seminario sarà arricchito dalle testimonianze di:

Avv. Elisa Pavanello
Socio e Direttore della Divisione Consulenza
Studio Spolverato Barillari & Partners

Stefano Rossignoli
Responsabile Ufficio Tecnico Supermercati Tosano


I TEMI
  • Il magazzino come luogo di lavoro: rischi presenti e normativa tecnica applicabile
  • La valutazione dei rischi del manutentore interno del magazzino e l’eventuale appalto esterno per la manutenzione
  • Il corretto approccio per l’acquisto e la messa in servizio sicura di un magazzino automatico
  • La tecnologia RFID quale innovazione del ciclo di approvvigionamento nel magazzino 4.0

I RELATORI

Lorenzo Baraldo Direttore d’Area Tecnica Contec AQS
Luca Reppele Direttore Tecnico Contec Industry
Giovanni Aurea Key Account Manager Würth Industria

 


CONVEGNO GRATUITO CON CREDITI RSPP – ASPP

25 settembre 2018 dalle ore 08:30 alle ore 13:00

CROWNE PLAZA PADOVA – Uscita A4 Padova Ovest

 

PER ISCRIVERTI CLICCA QUI

 

INFORMAZIONI

Contec AQS
Enrico Urbani
Cell. 345 0607423
e-mail: enrico.urbani@contecaqs.it

Livia Manfredini
Cell. 345 9224353
e-mail: livia.manfredini@contecaqs.it

Maria Giovanna Verdesca
Tel. 045 4729854
e-mail: mariagiovanna.verdesca@contecaqs.it

Contec Industry
Federico Fabris
Cell. 3480072925
e-mail: federico.fabris@contecindustry.it

CONVEGNO GRATUITO CON CREDITI RSPP - ASPP 25 settembre 2018 dalle ore 08:30 alle ore 13:00 CROWNE PLAZA PADOVA - Uscita A4 Padova Ovest Sicurezza, conformità normativa e innovazione ...

> Read more

Aggiornamenti normativi in tema sicurezza | Luglio 2018

aggiornamenti normativi sicurezza luglio 2018 - Antincendio

 

PREVENZIONE INCENDI: IN ARRIVO L’AGGIORNAMENTO DEL DM 10.03.1998

Nei giorni scorsi è stata condivisa una nota introduttiva alla bozza di decreto interministeriale “Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell’emergenza nei luoghi di lavoro ai sensi dell’art.46, comma 3, del D.Lgs. 81/2008”. Il documento, non  ancora definitivo, risulta non attualmente in vigore, ma la sua pubblicazione rappresenta sicuramente un passo avanti verso l’aggiornamento del decreto.

L’elaborato si articola in maniera del tutto simile a quella del DM 10/3/1998, composto da un decreto e da 10 allegati. 

Per quanto riguarda i contenuti della bozza si mantengono anche questi sostanzialmente analoghi a quelli del DM 10/3/1998 per gli aspetti di valutazione del rischio di incendio, di individuazione delle misure di prevenzione, di controllo e manutenzione (in cui è stato aggiunto l’obbligo di registrazione dei controlli) e di pianificazione delle emergenze.

Di seguito, sono riportate le principali novità previste dalla bozza del Decreto:

1) Sarà applicato a tutti i luoghi di lavoro, compresi quelli che rientrano tra le attività soggette ai controlli periodici di prevenzione incendi da parte dei Vigili del Fuoco. A tal proposito, sono state inserite specifiche disposizioni per i diversi luoghi di lavoro, che sono stati divisi in quattro gruppi (P1, P2, P3, P4) sia sulla base dell’assoggettabilità ai controlli da parte dei Vigili del Fuoco (attività soggette ed attività non soggette) e sia in base alla presenza di regole tecniche verticali già in vigore;

2) Sono stati inseriti i programmi per l’aggiornamento;

3) Sono stati introdotti i requisiti dei soggetti formatori dei docenti;

4) E’ stata introdotta la periodicità dell’aggiornamento, fissata su base quinquennale, rispetto all’attuale periodicità triennale;

In attesa dell’approvazione, è possibile consultare la bozza del nuovo D.M. 10 Marzo 1998 disponibile QUI per il download.


 

aggiornamenti normativi sicurezza luglio 2018

 

MANIFESTAZIONI PUBBLICHE – DIRETTIVA

Modelli organizzativi e procedurali per garantire alti livelli di sicurezza in occasione di manifestazioni pubbliche
 

Il 18 luglio 2018 il Ministero dell’Interno ha pubblicato il documento N. 11001/1/110/(10) nuova circolare del Ministero dell’Interno che introduce Modelli organizzativi e procedurali per garantire alti livelli di sicurezza in occasione di manifestazioni pubbliche.
Il documento riporta le indicazioni per la caratterizzazione ed il dimensionamento delle misure di sicurezza finalizzate al contenimento del rischio in manifestazione pubbliche non soggette a licenza e verifica di commissione tecnica di cui all’art. 80 TULPS.
Per eventi di pubblico spettacolo soggetti a licenza, la linea guida resta comunque un valido indirizzo ma l’autorizzazione è soggetta a verifica da parte della commissione di pubblico spettacolo che potrebbe esprimersi con richiesta di integrazioni ulteriori a quanto previsto dalla linea guida (ai sensi delle norme tecniche applicabili in senso esteso).

L’aspetto di maggiore novità a parere dello scrivente è la definizione dei requisiti degli operatori di sicurezza con mansioni si assistenza all’esodo, instradamento monitoraggio dell’evento e lotta antincendio.
Gli operatori devono poter dimostrare “adeguata” formazione i materia e idoneità psico-fisica.
In misura adeguata devono essere abilitati Addetti alla lotta all’incendio e alla gestione dell’emergenza, formati con corsi di livello C (rischio ALTO) ai sensi del DM 10 marzo.


Per un confronto tecnico scrivi a lineadiretta@contecaqs.it

 

A cura di Alessandro Faccio

Alessandro-Faccio-Contec-AQS-Valutazione dei Rischi e Invecchiamento della Forza Lavoro

Responsabile di Area per Contec AQS,da oltre 15 anni opera negli ambienti produttivi industriali e nei cantieri aziendali e infrastrutturali, abilitato al ruolo di CSP e CSE. Lead Auditor OHSAS 18001 e RSPP e Formatore.

 

 

 

  PREVENZIONE INCENDI: IN ARRIVO L'AGGIORNAMENTO DEL DM 10.03.1998 Nei giorni scorsi è stata condivisa una nota introduttiva alla bozza di decreto interministeriale “Criteri gener...

> Read more

Assistenza ai Responsabili Unici dei Procedimenti

Contec AQS nel 2016 ha offerto un nuovo e importante servizio di assistenza ai Responsabili Unici dei Procedimenti  nell’ambito degli investimenti in corso presso l’Aeroporto Marco Polo di Tessera – Venezia.

In ambito pubblico, il Nuovo Codice degli Appalti D.Lgs. 50/2016, nonché i documenti di indirizzo dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, precisano i requisiti e le condizioni per il corretto svolgimento del servizio di supporto, oltre alle modalità di affidamento atte a garantire un controllo qualitativo sulle procedure sottostanti alla realizzazione di opere pubbliche.

 

Responsabili Unici dei Procedimenti Grandi-Opere-Contec-AQS

L’ Assistenza Tecnico Legale alla Stazione Appaltante prevede un supporto nell’assolvimento delle funzioni da soggetti esterni, in casi di investimenti importanti, caratterizzati da particolare complessità sul piano procedurale, ed in grado di fornire un’assistenza sia tecnica sia legale specialistica nei procedimenti di gara e nella gestione dei contratti.

Contec AQS nel 2016 ha offerto un nuovo e importante servizio di assistenza ai Responsabili Unici dei Procedimenti  nell’ambito degli investimenti in corso presso l’Aeroporto Marco Polo ...

> Read more

Rappresentante del Committente per interventi in spazi confinati

Il Gruppo AIA ha affidato a Contec AQS il ruolo di Rappresentante del Committente, per alcuni interventi in spazi confinati, nell’ambito del DPR. 177/11.

Il nostro ruolo sarà quello di sovrintendere sull’adozione ed efficace attuazione della procedura di lavoro prevista dal decreto, specificatamente diretta ad eliminare o, ove ciò non sia possibile, ridurre al minimo i rischi propri delle attività in ambienti confinati, comprensiva della eventuale fase di soccorso e di coordinamento con il sistema di emergenza di stabilimento e con gli enti dei Vigili del Fuoco e Servizio Sanitario.

Il Gruppo AIA ha affidato a Contec AQS il ruolo di Rappresentante del Committente, per alcuni interventi in spazi confinati, nell’ambito del DPR. 177/11. Il nostro ruolo sarà quello di ...

> Read more

Nuovo regolamento privacy, per la sanità cosa cambia?

In vigore dal 15 giugno 2016 il Regolamento (UE) 2016/679; vediamo di seguito alcuni dei punti più rilevanti de nuovo Regolamento Privacy per la sanità.

 

In vigore dal 15 giugno 2016 il Regolamento (UE) 2016/679; il nuovo Regolamento in materia di Privacy ha compiuto il suo primo mese e chiunque ne conosca l’ambito ha consapevolezza di quanto tale modifica sia importante per il settore sanitario, contesto in cui tutto è centrato sul trattamento del dato sensibile.

Vediamo in sintesi alcune delle più rilevanti novità introdotte dal Regolamento Europeo e per le quali è dato fino al 25 maggio 2018 il termine entro cui adeguarsi alla norma.

nuovo regolamento privacy per la sanità

  1. Privacy by design e approccio basato sulla valutazione del rischio.
    E’ l’approccio concettuale che si deve adottare per la definizione di ogni procedura che preveda un trattamento dei dati.

    In sintesi, nella sanità, significa la stesura di tutte le procedure operative interne per l’adozione di quelle misure che minimizzino il rischio di violazione del Regolamento e che tutelino il rispetto dei diritti del paziente nel trattamento dei dati.
    Tale approccio ha forti assonanze con la nuova ISO 9001:2015 e le normative regionali in materia di autorizzazione all’esercizio e accreditamento.
    Pertanto si ritiene più che opportuno considerare i diversi ambiti indicati –privacy, sistema di gestione, qualità- in modo integrato per le inevitabili implementazioni che nel corso del 2016- 2018 ognuno dovrà apportare nel proprio sistema di gestione.

 

  1. Data protection officer (DPO)
    I soggetti la cui attività principale consiste nel trattamento, su larga scala, di dati sensibili – ossia le strutture sanitarie tutte – dovranno designare un Responsabile della Protezione dei Dati (DPO), figura nuova e da non confondere con il già esistente responsabile al trattamento.

    Il DPO dovrà informare e consigliare il titolare o il responsabile del trattamento, nonché i dipendenti, verificare l’esatta applicazione delle norme, fornire pareri in merito alla valutazione dell’impatto e alla ottimizzazione delle misure adottate, fungere da contatto per gli interessati in merito al trattamento dei loro dati.
    Tale figura deve godere di una reale indipendenza e terzietà rispetto al titolare o al responsabile al trattamento.
    Il DPO può operare sulla base anche di un contratto di servizio.

 

  1. Certificazione e codici di autoregolamentazione.
    Si incentivano, nel Regolamento, le certificazioni e/o l’adozione di codici di autoregolamentazione (es: approvati dalla associazioni di categoria) che possano garantire l’applicazione del Regolamento calandolo sulle fattispecie tipiche dell’organizzazione e/o del settore.

    Tale autoregolamentazione, dando maggiore efficacia alle misure adottate, garantisce un’effettiva applicabilità delle prescrizioni e la conformità dell’organizzazione alla legge.

 

  1. Registri delle attività di trattamento e misure tecnico organizzative per la minimizzazione del rischio.
    Il ripristino di evidenze dell’effettiva applicazione delle misure e di documenti descrittivi l’adozione delle policy privacy, riporta la reminiscenza del famigerato Documento Programmatico Sulla Sicurezza (DPSS).

    In realtà si fa riferimento a qualcosa di più pragmatico, una dettagliata descrizione dei trattamenti, della loro natura, dei soggetti autorizzati, delle modalità di svolgimento e conservazione, delle misure di sicurezza adottate.
    Considerando questo nuovo aspetto in combinato con il precedente punto, sembra verosimile che un documento come il manuale della sicurezza delle informazioni definito negli standard ISO 27000 può rappresentare un buon punto di riferimento.

 

regolamento-europeo-materia-sicurezzaContec AQS, per poter fornire le soluzioni più efficienti ed efficaci ai propri clienti ha già attivato un tavolo interdisciplinare (legale-informatico-amministrativo) per analizzare nel dettaglio ogni singolo articolo del codice declinando il nuovo Regolamento privacy per la sanità.

Le conclusioni del tavolo, pronte per il mese di settembre, saranno oggetto di un convegno specifico e di una pubblicazione speciale.

 

Chi fosse interessato ad informazioni di merito può inviare una e-mail a lineadiretta.aorsi@contecaqs.it
sarà nostra premura aggiornarvi sui prossimi sviluppi dei lavori.

 

A cura di Andrea Orsi

Andrea-Orsi-contec-AQS

Direttore di Area per Contec AQS

Andrea è laureato in Economia e Commercio Internazionale a Trieste e ha seguito un master di secondo livello in Diritto informatico presso l’Università di Padova con tesi sulla Dematerializzazione del Documento Sanitario (referto medico digitale).
Abilitato come lead auditor per lo standard ISO 27001 (sicurezza del sistema informativo) presso BSI, ha operato per la conformità a norme di legge e a norme tecniche, quali gli standard ISO dei sistemi di gestione, con specializzazione nel settore sanitario.

 

Vai alla pagina Consulenza alle strutture sanitarie e socio sanitarie

 

Servizi Contec AQS correlati:

  • Consulenza compliance privacy e audit di conformità
  • Integrazione Privacy – Sistema Gestione Qualità
  • Servizio Data Protection Officer
  • Servizio Responsabile della conservazione
  • CinquePro-sanità

In vigore dal 15 giugno 2016 il Regolamento (UE) 2016/679; vediamo di seguito alcuni dei punti più rilevanti de nuovo Regolamento Privacy per la sanità.   In vigore dal 15 giugno 2...

> Read more

La legge è uguale per tutti … anche nella Sanità

Spunti operativi per la definizione di un organizzazione conforme alle norme di riferimento

 

Tutti gli operatori del settore sanitario sono consapevoli dell’importante corpus normativo che regola la propria attività; la legge rappresenta un riferimento che va ben oltre ad un principio regolatore del comportamento, essa rappresenta un sistema di requisiti che puntualmente deve essere rispettato e la cui conformità nel tempo monitorata ed, in caso di mancanze, implementata.

Il tutto deve essere gestito dalle organizzazioni attraverso un sistema autoregolatore con procedure operative interne: un’organizzazione che preveda la tenuta sotto controllo di tutti i processi e che produca le idonee evidenze (anche per una corretta valutazione da parte degli organi competenti).

Tutto ciò, sia per le strutture sanitarie private che pubbliche, sia per quelle accreditate nei rispettivi Sistemi Sanitari Regionali che per quelle operanti in mero regime privato, è verificato e valutato con cadenze programmata dagli enti preposti da ogni singola Regione.

L’intesa Stato Regioni n.32/CSR del 19.02.2015  ha voluto dare maggiore omogeneità alle dinamiche sopra ripotate. La frammentazione del Sistema Sanitario Nazionale nelle singole Regioni e, a livello operativo, nelle singole Aziende Sanitarie Locali, ha portato negli anni a profondi scostamenti di interpretazione della Legge di riferimento in materia di autorizzazione a accreditamento Regionale. Le stesse Leggi Regionali di recepimento della norma nazionale hanno declinazioni difformi.

Se fosse possibile identificare un filo rosso, un minimo comune denominatore, che abbracci tutta Italia questo sembra proprio essere il chiaro invito rivolto a tutte le tipologie di struttura sanitaria a dotarsi di una gestione dell’attività il più sistematica possibile.

Prevedere, programmare, analizzare, sviluppare, valutare ed eventualmente modificare (in inglese Plan – Do – Check – Act ossia il PDCA o ciclo di Deming dello standard ISO 9001) con il coinvolgimento del personale di riferimento ed in tutti gli ambiti (da quelli prettamente medico-clinici – es: definizione e condivisione dei protocolli sanitari –  a quelli funzionali –  es: la gestione dei dati); è questo che si chiede alle strutture.

Tali competenze, un tempo prerogative solamente di strutture complesse e sopra una certa dimensione, devono essere, oggi, patrimonio anche di organizzazioni più ridotte e semplici.

Iniziamo a definire 4 temi che reputiamo prodromici ad uno sviluppo adeguato ed efficace dell’organizzazione aziendale in ambito sanitario:

  1. Definire i processi, le procedure e assegnare delle responsabilità
  2. Coinvolgere il personale
  3. Dare sistematicità e scadenze
  4. Esternalizzare quando necessario

 

  1. Definire i processi e procedure

La formalizzazione delle procedure interne adottate, la scrittura stessa di queste, obbliga ad arrivare alla definizione di una miglior pratica a cui il personale deve attenersi.
Le procedure quindi diventano un riferimento per gli operatori, un punto fermo che, proprio perché chiaro, può essere discusso e migliorato nel tempo.

Nella definizione delle procedure, la Direzione Generale e quella Sanitaria devono prevedere un coinvolgimento attivo degli operatori in modo che la procedura prodotta sia effettivamente una strada percorribile e non mera teoria.

Inoltre in questo modo, formalizzando gli incontri finalizzati alla redazione delle procedure, è possibile rispondere, con piena conformità, a diversi requisiti rivolti al coinvolgimento del personale, condivisione della conoscenza, definizione e comunicazione delle politiche.

 

  1. Coinvolgere il personale

Il coinvolgimento del personale è uno degli aspetti fondamentali su cui riteniamo sia doveroso porre una particolare enfasi.

Così come già avviene in altri ambiti come ad esempio la legge sulla sicurezza sul posto di lavoro (in cui non si fa differenza tra collaboratori liberi professionisti e dipendenti) sembra ormai consolidata la posizione per cui le strutture sanitarie, private o pubbliche, si pongano come responsabili e garanti verso il paziente delle prestazioni erogate anche da personale in libera professione.

Il controllo pertanto di elementi quali la formazione continua dei professionisti, valutazione e approvazione dei protocolli clinici adottati e altro ancora, deve essere un “territorio” di dialogo continuo tra Direzione Generale, Direzione Sanitaria e operatori.

 

  1. Dare sistematicità e scadenze

La legge obbliga ad un mantenimento continuo nel tempo della conformità dell’organizzazione ai requisiti e, ovviamente, non solo in occasione dell’ispezione degli organi deputati (spesso le ispezioni si basano sulle evidenze degli anni precedenti).

Qualora pertanto la Direzione Sanitaria e la Direzione Generale, coadiuvati da altre figure in organigramma, riescano a schematizzare e programmare l’attività da svolgersi annualmente, rispetto a quanto indicato dalla legge di riferimento, dando date di scadenza e assegnando le responsabilità, risulterà agevole tenere sotto controllo la conformità ai requisiti.

Diamo in questo senso un esempio, una tabella che calata e adattata ad ogni realtà può essere un ottimo strumento per la tenuta sottocontrollo delle prescrizione poste dalla legge a da altri standard internazionali.

 

  1. Esternalizzazione delle competenze tecniche

Il settore sanitario ha tratti molto peculiari. Ricordiamo che la nostra Repubblica tutela la salute dell’individuo nella Carta Costituzionale e, pertanto, chi opera nel settore è oggetto di maggiore attenzione e controllo rispetto a operatori di altri ambiti.

Cosa significa questo? Semplicemente che per operare nel settore sanitario non ci si può improvvisare e il livello di specializzazione richiesto è elevato.

Il problema sussiste nel momento in cui vengono chiesti livelli di specializzazione equivalenti anche in ambiti strumentali a quelli prettamente clinici e sanitari.

Pensiamo ad esempio alla gestione dei dati, alla analisi dei rischi, agli aspetti legali e di responsabilità sanitaria. Come rendere sostenibile l’attività pur mantenendo un idoneo grado di tutela difronte a questi aspetti?

L’invito è quello di valutare l’esternalizzazione di determinati processi, chiedendo le idonee garanzie (titoli abilitanti, esperienze dimostrabili, certificazioni etc …) ai fornitori che pertanto devono essere specializzati.

 

Nei prossimi appuntamenti verranno analizzati aspetti più specifici legati alla conformità alle norme di riferimento e, qualora possibile, sarà fornito qualche spunto pratico. La speranza è quella di proporre strumenti utili alle strutture per la gestione nel tempo dei processi aziendali e dei requisiti che questi devono detenere.

 

 

Andrea Orsi

Direttore Area Sanità

Spunti operativi per la definizione di un organizzazione conforme alle norme di riferimento   Tutti gli operatori del settore sanitario sono consapevoli dell’importante corpus nor...

> Read more

Contec AQS al Facility Management Day 2015

Contec AQS sarà presente all’edizione 2015 del Facility Management Day che si terrà il prossimo 28 ottobre a Milano presso il Palazzo delle Stelline.

Contec AQS presenterà in questa prestigiosa cornice i propri servizi attinenti al Facility Management con uno specifico focus su come “Gestire le legal-issues nelle manutenzioni”. Clicca qui

IFMA banner

Organizzato dall’Italia Chapter di IFMA (www.ifma.it) di cui Contec è socio, l’evento è il più importante confronto professionale sul tema del Facility Management che coinvolge operatori leader e influencer di settore.

 

Contec AQS sarà presente all’edizione 2015 del Facility Management Day che si terrà il prossimo 28 ottobre a Milano presso il Palazzo delle Stelline. Contec AQS presenterà in questa pre...

> Read more

Iscriviti alla newsletter

Autorizzo il trattamento dei dati personali